MENU

Views: 2413 concerti, CONCERTI E ATTIVITÀ, PIANISTI, STAGIONE IN ABBONAMENTO

LEIF OVE ANDSNES PIANOFORTE | SIBELIUS, WIDMANN, SCHUBERT, BEETHOVEN, CHOPIN

quartetto_milano_Andsnes PR7_Credit_Oezguer_Albayrak
quartetto_milano_acquistaonlinebott
quartetto_milano_stagione_icona quartetto_milano_pianisti_icona MARTEDÌ 28 NOVEMBRE 2017, ore 20.30 – Conservatorio “G. Verdi” quartetto_milano_programma_sala_1718_Andsnes

Leif Ove Andsnes pianoforte

Sibelius – Björken op. 75 n. 4
– Impromptu op. 97 n. 5
– Rondino II op. 68 n. 2
– Der Hirt op. 58 n. 4
– Romance op. 24 n. 9
Widmann – Idyll und Abgrund, Sechs Schubert-Reminiszenzen für Klavier
Schubert – Tre Klavierstücke D 946
Beethoven – Sonata n. 17 in re minore op. 31 n. 2 “La Tempesta”
Chopin – Notturno in si maggiore op. 62 n. 1
– Ballata n. 4 in fa minore op. 52

Nel pieno della maturità, il norvegese Leif Ove Andsnes continua a distinguersi per l’originalità delle sue interpretazioni, sempre impostate su sonorità nitide e trasparenti, anche quando affronta il più turgido romanticismo e la più complessa modernità. Così i suoi favoriti autori nordici (Sibelius, Grieg) assumono colori vivaci e i ben noti classici (Beethoven, Schubert, Chopin) hanno leggerezze impensate. E il suo amore per il nuovo fiorisce nelle recenti (2007) reminiscenze schubertiane di Joerg Widman.
Andsnes è già stato nostro ospite nel 1999, nel 2008 e nel 2010.

“Sono cresciuto in campagna, sull’isola norvegese di Karmøy, 100 chilometri a sud di Bergen” racconta Andsnes. “I miei genitori suonavano il pianoforte e me lo hanno insegnato che ero piccolo. Per anni non ho avuto attorno a me compagni e amici appassionati di musica, nessun coetaneo che suonasse il piano o qualche altro strumento. Le cose sono cambiate quando sono andato al Conservatorio di Bergen in cui finalmente mi sono immerso tra i musicisti. E’ da allora che risale la mia grande passione per la musica da camera, per fare musica insieme. Così lo scorso anno ho istituito un festival estivo nel pittoresco villaggio norvegese di Rosendal. Un festival breve per durata, 4 giorni in agosto,  con grandi musicisti amici e giovani interpreti norvegesi. Per la prima edizione ho scelto un tema legato allo  Schubert del 1828, l’incredibile anno degli ultimi capolavori. Quest’anno lo abbiamo dedicato a Mozart. Per agosto prossimo ho in serbo una bella sorpresa”.

BIOGRAFIA

CONCERTI IN ARCHIVIO

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comments are closed.