MENU

Views: 432 news

Biagio Zoli: «la contaminazione è un ottimo carburante»

Biagio Zoli

La contaminazione è un ottimo carburante

Timpanista dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Biagio Zoli sarà sul palcoscenico dei Bagni Misteriosi il prossimo 21 giugno (ore 21.00) per “Ground, da Verdi ai Beatles”, nuovo progetto con cui inauguriamo il “Quartetto OFF” e con il quale celebreremo la Festa Europea della Musica.

Maestro Zoli, come ha passato questo anno di stop che purtroppo ha coinvolto anche la musica? 

Mi ritengo molto fortunato perché ho potuto continuare la mia attività musicale senza troppi stop, ho cercato di onorare il mio lavoro progettando e realizzando idee che prima erano chiuse in un cassetto. 

Che emozione prova nel suonare al Quartetto in occasione della Festa Europea della Musica? 

È una istituzione molto importante ed è per me un onore poter apparire in questo cartellone, con una compagine di strumentisti ed amici di così elevato profilo artistico. 

Suonerà diversi brani di compositori che hanno fatto la storia della cultura musicale. Con che spirito affronterà questo concerto? 

Io cerco sempre di esprimere al meglio ciò che i compositori volevano comunicare, generalmente seguo un po’ il flusso delle emozioni che tali composizioni mi danno consegnandole poi al pubblico. 

Trova interessante sovrapporre diversi generi musicali, in particolare la classica con il pop, come nel progetto “Ground, da Verdi ai Beatles”? 

È una domanda complessa. Le contaminazioni sono, a mio avviso, un carburante molto potente per la musica, di certo le apprezzo quando, come in questo caso, sono concettualmente strutturare e ben confezionate. Purtroppo è molto facile cadere in prodotti e miscugli mal riusciti. 

Scopri tutte le info su Ground, da Verdi ai Beatles 

 

Comments are closed.

X